RICORDO DI CAMPAGNA: RISOTTO ALLE ERBETTE CON GERMOGLI E FIORI

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g. Riso vialone nano
  • 50 g. burro
  • 25 g. cipolla bianca a brunoise
  • 100 ml. vino bianco
  • 500 ml. brodo di gallina
  • 40 g. olio extra vergine d’oliva
  • 100 g. grana padano
  • 200 g. purea di spinaci ed erbette
  • Germogli di asparago, bietola rossa qb
  • Petali di rosa, fiordaliso, tagete qb
  • Sale e pepe qb
  • Succo di limone qb

 

Preparazione:

In una casseruola appassire leggermente la cipolla nel burro. Aggiungere il riso e tostare. Quando il riso risulterà ben caldo sfumare con il vino bianco e far evaporare. Aggiungere gradualmente il brodo di gallina e continuare a mescolare evitando che il riso si attacchi al fondo della casseruola. Cuocere a fuoco costante per circa 14-16 minuti e poi, una volta tolto dal fuoco mantecare con grana padano, olio extra vergine d’oliva, succo di limone e la purea di spinaci. Aggiustare di sale e far riposare coperto. Disporre a specchio il riso su piatti piani e su ogni porzione disporre i diversi germogli e petali di fiori.

L’idea di questo piatto nasce dalla visione della campagna, dalla sua bellezza in ogni stagione e dai suoi cambiamenti giorno dopo giorno. Le immagini di una distesa di campagna, dei germogli in primavera, del verde del frumento, dei campi fioriti ci possono trasmettere forti emozioni che alimentano i nostri ricordi. La terra diventa un veicolo per esplorare le nostre origini e il nostro passato e affiora la memoria della vita di campagna dei nostri nonni. Ma la terra è anche simbolo di origine e di nascita da cui cresce un germoglio, sboccia un fiore e nasce la vita. Il piatto dunque vuole essere un’evocazione della nostra storia e un’espressione della vita. La natura e le manifestazioni della terra esprimono bellezza, che cattura tutti i sensi e ci riporta in una dimensione di tranquillità e libertà. Queste emozioni sono l’origine e la creazione di ogni sapore presente in questo risotto. I sensi saranno intrecciati tra loro: la sensazione erbacea della terra, il colore alla vista e i vari profumi che ne derivano. Il supporto è un piatto in ceramica che al tatto ricorderà la terra e la campagna. Un piatto evocativo che stimola i sensi e coinvolge le nostre emozioni, con l’idea di trasmettere il senso di libertà che può darci la vista di una distesa di campi fioriti.